Renzi si fida solo di Berlusconi (???)

Siamo alle comiche: Renzi si fida solo di Berlusconi.

Fida di

Dopo vent’anni di Berlusconismo, che ha portato l’Italia nel baratro dell’arretratezza culturale, politica ed economica, il conto da pagare è grosso e doloroso. E soprattutto, ora si chiede il saldo, ancor più salato del conto precedente, alle generazioni future, con questo Renzi, non eletto da nessuno, che in maniera del tutto scandalosamente arbitraria e incostituzionale, assume un ruolo non suo, che non gli appartiene, in tutti i sensi, e nel vero senso della parola. Come finirà questa storia? Sangue e lacrime sono previste già dalla fine di questo mese di agosto. I conti economici del Paese, gridano vendetta e stridono con la mentalità e la comunicazione della classe politica, che invece di risolvere il problema della gente, che muore di fame, ed ora sono in milioni gli italiani che non hanno i soldi per comprare, letteralmente, un chilo di pane, i politici della maggioranza Pd, e di Forza Italia, in nome di un patto, definito del Nazareno, di cui non si conosce la consistenza, ma si intuisce, si accaniscono sulle preferenze della legge elettorale. Movimento 5 stelle, Sel e Lega, stanno facendo una lotta democratica, per non perdere quel poco di potere popolare rimasto. Gente, italiani, svegliatevi. Pappa, cacca, nanna, vi porterà alla morte civile.

Previsto prelievo forzoso dai conti correnti. Complimenti a tutti quelli che appoggiano Renzi. Siete dei falchi, intelligenti e soprattutto lungimiranti. Peccato che per colpa vostra, ce lo prenderemo nel culo tutti quanti.  

I 10 Comandamenti

I 10 Comandamenti

Farage a Schulz. Facciamo a gara a chi ce l’ha più grosso?

Farage2

Questi europei “più di noi”, sono anche peggio di noi. Dopo le elezioni, non è cambiato niente. Tutto come prima. Dopo la vergognosa riaffermazione di Jean-Claude Junker, abbiamo assistito alla ancor più scandalosa riaffermazione di martin Schulz alla presidenza del Parlamento europeo.

Ci sarebbero da dire tante cose, in merito a questa ulteriore dimostrazione di forza, da parte della Merkel, che umilia così, tutti i paesi dell’Europa meridionale, destinati a versare ancora lacrime e sangue. E non potranno usufruire di alcuna “agevolazione”, in casa propria, sulla scorta di “contratti” capestro, che hanno trasformato le nazioni in Spa. Ammesso che tutto questo abbia un senso. Basta pensare alla situazione dell’euro per far cadere ogni discorso.

Renzi invece, pensa al semestre in cui non conterà un cazzo. L’importante è partecipare. Politica da boy scout. A questo punto, mancano solo gli indiani e gli sceriffi…

Renzi appoggia Marchionne, Fiat-Chrysler. Ripiombiamo negli anni settanta…

Elkann

Oltre a tutti i “difetti”, spesso denunciati da chi ha “capito” chi è Renzi, come il sottoscritto, ci voleva anche questa: Renzi e Marchionne si “coccolano”… politicamente.   

Proprio oggi, 30 giugno 2014, così vi evito di andare a controllare il calendario, il sig. Renzi, credo Matteo,  è andato a visitare la Maserati, e ha incontrato il sig. Fiat-Chrysler, Sergio Marchionne. Siamo ritornati ai tempi della Democrazia Cristiana, quando Andreotti era di casa, in Fiat, e ogni tanto, faceva finta di litigare con Giovanni Agnelli. Del resto, John Elkann era molto legato a suo nonno. Noi no!

Super Renzi, più antipatico che mai, avrà i suoi impegni già presi, visto che deve “impegnarsi” con i compiti a casa che la Merkel gli ha assegnato, e rifilato a noi: riforme del   Senato, come affrontare il semestre europeo, giustizia…

CuoreMatteo Renzi, recentemente ha dichiarato: “Io sto dalla parte di Marchionne e cioè dalla parte di chi sta investendo sul futuro delle aziende, quando tutte chiudono, ed è invece un momento in cui bisogna cercare di tenerle aperte”.

A sua volta, Marchionne, ha contraccambiato non facendo mancare il suo “appoggio” a Renzi: “Qualsiasi piano che va a cambiare il sistema di regole del gioco che non sono più competitive, io lo appoggio totalmente, e Renzi mi sembra che abbia preso la strada giusta”.

Certo. La strada di casa sua…

hat-149479_150Vi faccio osservare, che il sig. Elkann, è membro della tanto discussa bilderberg. Mentre, Renzi è stato ultimamente in Europa, la casa della Merkel che ci ospita come suoi sudditi. Ma lasciamo perdere…

Insomma, Matteo Renzi non perde occasione per ricordarci che stiamo nella troika. Sulla presidenza italiana del semestre europeo, ha detto. “L’Europa è un luogo di speranza”. Renzi sogna gli Stati Uniti d’Europa come li immaginavano i padri fondatori e lo dirà a chiare lettere nel suo discorso inaugurale all’Europarlamento, “non appena la Merkel lo autorizzerà, dopo che gli avrà corretto ogni parola”. Sic!

Ai sostenitori di Renzi dico quanto segue: “A causa della vostra balordaggine, della vostra ignoranza, del vostro scarso senso comune, della vostra assoluta mancanza di sensibilità; del vostro mancato senso della democrazia e della libertà; della vostra ottusità, della vostra cupidigia, della vostra disonestà intellettuale, della vostra stronzaggine, del vostro modo di vivere solo con la pancia, stiamo consegnando il Paese, che era fino a qualche anno fa, uno dei paesi più ricchi al mondo, più industrializzati della Terra, in mano alla finanza, alle banche, per farci ripiombare negli anni settanta. Magari pure con la “collaborazione” di qualche strage, le cui responsabilità le faranno ricadere sulla mafia. E voi babbioni, abboccherete come sempre. Tutto questo, con la collaborazione forse inconsapevole di boy scout arrivisti, antipatici e asserviti, e ragazzine dell’esercito della salvezza, convinte di essere nel giusto. Se tutto questo accadrà come immagino io, piangeremo lacrime amare. Vergognatevi, infami e traditori!   W l’Italia

Perché i renziani hanno tutta questa fretta?

 
fretta1

Non mi convincono. Dicessero chiaramente come stanno le cose. Tutta questa fretta dei renziani, mi mette angoscia. Soprattutto se “a tutta questa fretta”, il loro leader, Renzi, che non è il nostro “capo”, e ricordo sempre che è un abusivo non votato da nessuno, e che i voti delle europee non lo legittimano in qualità di presidente del consiglio, oggi ha chiesto 1000 giorni di tempo… .

Mille giorni di tempo, per far cosa? Per prendere tempo e dare la possibilità alla Merkel e soci di sistemare le loro cosette a danno nostro? Mai! I giochi si faranno con l’elezione del presidente della commissione europea. “Uscirà” sicuramente una persona vicina alla Merkel, una di quelle che sono state la causa di questo disastro economico, e sarà appoggiato/a da Renzi.

Continueremo con la politica dell’austerità, perché l’obiettivo di questi signori, si fa per dire, è quello di piegare le economie e le coscienze dei Popoli dell’Europa meridionale. Il semestre europeo italiano, è un’altra invenzione per prendere tempo, insieme ai 1000 giorni, cioè tre anni. Cosa crede di fare mister proclama. Vuole andare in Europa a dire: a maggio faccio uscire il sole, ed a settembre costruisco le montagne verdi? Le Vecchiette della chiesa in Europa ce ne son poche. E quelle che stanno in Italia, stanno capendo, e si stanno pure incazzando seriamente.

Occhio, Renzi. Non tirare troppo la corda. Si sta spezzando!