Renzi contro i sindacati: ormai è chiaro il suo progetto

lavoro

I suoi 1000 giorni non si sa se sono partiti e se mai partiranno. Una presa in giro, dopo una serie di prese per il culo. Ora se la prende con i sindacati e vuole togliere l’ultimo pezzo di democrazia nel mondo del lavoro. L’art. 18 non è il problema della mancanza di lavoro o del crollo dei consumi. Renzi sta scherzando col fuoco e penso che prima o poi qualcuno capirà. Ora la gente dorme, perché si ciba della politica che merita. Notoriamente il Popolo italiano è un’accozzaglia di gente che si accontenta del primo che capita, basta che dica puttanate.

Se poi questo appartiene al mondo delle banche che contano, e se questo signore ci porterà in bocca alla troika, alla gente non importa. Lo capirà dopo, quando sarà troppo tardi per discutere. Quando per risolvere il problema non rimarrà che la rivoluzione. Invece di interessarsi ora dei problemi reali, e mandare a casa questo strano figuro sorto dal nulla, come i maledetti euro e l’Europa che difende a spada tratta, essendo servitore fedele, la gente si disinteressa, o delega la propria vita e quella dei propri figli a questo qua. Detto tra noi: Ma chi cazzo lo conosce?  Affidereste le chiavi di casa vostra al primo che capita?

Renzi sta preparando la festa della riforma del Senato, una vergogna…

Ormai siamo alle comiche, oppure alla fine? Lavorano di notte per concludere i lavori della riforma del Senato, per siglare un successo personale di renzi che sarà solo mediatico, mentre nei contenuti non porterà alcun vantaggio al Popolo italiano. Al limite, ne vedrà ridotta la componente democratica. Renzi ha bisogno di recuperare i punti persi con il -02% di ieri, relativamente al PIl e al crollo dei consumi, oltre all’impoverimento della famiglie. Intanto, Imposimato lancia un altro allarme; stanno vendendo 7000 aziende pubbliche, in modo che la Corte dei Conti, non avrà più alcun controllo su queste imprese. Sono soldi dei contribuenti e spesso sono aziende che gestiscono beni come energia, acqua, ecc. .Guardate questi due video.

Imposimato         Senato

I 10 Comandamenti

I 10 Comandamenti

Equitalia. Renzi non la vuole chiudere. Non chiarite le modalità di incasso

Bollo

I suicidi in Italia, hanno segnato molte famiglie. Indelebilmente. A causa di uno stato assente, troppo impegnato a proteggere la sua casta, e i suoi errori, oltre che i suoi imbrogli. Questo è lo stato che scrive sulle confezioni delle sigarette: “Il fumo uccide”, e intanto è arrivato a richiedere 5,00 euro per 20 sigarette di importazione. Un chilo di pollo o di carne di maiale, costa meno di 5,00 euro. Recentemente le hanno pure aumentate.

Questo è lo stesso stato che incassa il 60% di tasse sui carburanti. Ogni 10 euro di benzina, al cittadino costa 6 euro di tasse. Questo è lo stesso stato che per incassare i suoi soldi… (suoi?), non ha protetto i cittadini, e li ha indotti al suicidio. In America, inspiegabilmente, negli ultimi due, tre anni, le carceri si sono riempite di persone che non hanno potuto adempiere alla pressione fiscale, quindi, non al normale pagamento delle tasse, ma qualcosa di più, come accade oggi in Italia, finendo in strada e ripuliti di ogni bene. Nel più assoluto disinteresse e terrore, di tutti.

Equitalia andava chiusa anche per una questione etica e morale. In passato si è sbagliato molto, e si è discusso sui metodi di incasso di questa “azienda”. E ricordo a tutti, che equitalia, con la gestione Befera, ha assunto molti funzionari e manager, senza concorso. Purché dotati di certe caratteristiche: freddezza e scarsa emotività. Attenti a questi segnali. Hanno un valore molto elevato per loro. Pian, piano scoprirete di cosa parlo.

Perché oggi non si stabiliscono i metodi di incasso di equitalia? Dove si vuole arrivare? I Forconi hanno raccolto migliaia di firme, per abolirla. Il Movimento 5 stelle sta conducendo una lotta serrata per definire questa annosa e pericolosa situazione. Poi ci sono i movimenti, ce ne son tanti, che hanno chiesto la chiusura di equitalia. Allora, come stanno le cose?