Renzi contro i sindacati: ormai è chiaro il suo progetto

lavoro

I suoi 1000 giorni non si sa se sono partiti e se mai partiranno. Una presa in giro, dopo una serie di prese per il culo. Ora se la prende con i sindacati e vuole togliere l’ultimo pezzo di democrazia nel mondo del lavoro. L’art. 18 non è il problema della mancanza di lavoro o del crollo dei consumi. Renzi sta scherzando col fuoco e penso che prima o poi qualcuno capirà. Ora la gente dorme, perché si ciba della politica che merita. Notoriamente il Popolo italiano è un’accozzaglia di gente che si accontenta del primo che capita, basta che dica puttanate.

Se poi questo appartiene al mondo delle banche che contano, e se questo signore ci porterà in bocca alla troika, alla gente non importa. Lo capirà dopo, quando sarà troppo tardi per discutere. Quando per risolvere il problema non rimarrà che la rivoluzione. Invece di interessarsi ora dei problemi reali, e mandare a casa questo strano figuro sorto dal nulla, come i maledetti euro e l’Europa che difende a spada tratta, essendo servitore fedele, la gente si disinteressa, o delega la propria vita e quella dei propri figli a questo qua. Detto tra noi: Ma chi cazzo lo conosce?  Affidereste le chiavi di casa vostra al primo che capita?

Perché i renziani hanno tutta questa fretta?

 
fretta1

Non mi convincono. Dicessero chiaramente come stanno le cose. Tutta questa fretta dei renziani, mi mette angoscia. Soprattutto se “a tutta questa fretta”, il loro leader, Renzi, che non è il nostro “capo”, e ricordo sempre che è un abusivo non votato da nessuno, e che i voti delle europee non lo legittimano in qualità di presidente del consiglio, oggi ha chiesto 1000 giorni di tempo… .

Mille giorni di tempo, per far cosa? Per prendere tempo e dare la possibilità alla Merkel e soci di sistemare le loro cosette a danno nostro? Mai! I giochi si faranno con l’elezione del presidente della commissione europea. “Uscirà” sicuramente una persona vicina alla Merkel, una di quelle che sono state la causa di questo disastro economico, e sarà appoggiato/a da Renzi.

Continueremo con la politica dell’austerità, perché l’obiettivo di questi signori, si fa per dire, è quello di piegare le economie e le coscienze dei Popoli dell’Europa meridionale. Il semestre europeo italiano, è un’altra invenzione per prendere tempo, insieme ai 1000 giorni, cioè tre anni. Cosa crede di fare mister proclama. Vuole andare in Europa a dire: a maggio faccio uscire il sole, ed a settembre costruisco le montagne verdi? Le Vecchiette della chiesa in Europa ce ne son poche. E quelle che stanno in Italia, stanno capendo, e si stanno pure incazzando seriamente.

Occhio, Renzi. Non tirare troppo la corda. Si sta spezzando!