Renzi contro i sindacati: ormai è chiaro il suo progetto

lavoro

I suoi 1000 giorni non si sa se sono partiti e se mai partiranno. Una presa in giro, dopo una serie di prese per il culo. Ora se la prende con i sindacati e vuole togliere l’ultimo pezzo di democrazia nel mondo del lavoro. L’art. 18 non è il problema della mancanza di lavoro o del crollo dei consumi. Renzi sta scherzando col fuoco e penso che prima o poi qualcuno capirà. Ora la gente dorme, perché si ciba della politica che merita. Notoriamente il Popolo italiano è un’accozzaglia di gente che si accontenta del primo che capita, basta che dica puttanate.

Se poi questo appartiene al mondo delle banche che contano, e se questo signore ci porterà in bocca alla troika, alla gente non importa. Lo capirà dopo, quando sarà troppo tardi per discutere. Quando per risolvere il problema non rimarrà che la rivoluzione. Invece di interessarsi ora dei problemi reali, e mandare a casa questo strano figuro sorto dal nulla, come i maledetti euro e l’Europa che difende a spada tratta, essendo servitore fedele, la gente si disinteressa, o delega la propria vita e quella dei propri figli a questo qua. Detto tra noi: Ma chi cazzo lo conosce?  Affidereste le chiavi di casa vostra al primo che capita?

Il lavoro si può creare. Torniamo indietro…

Il lavoro si crea

Il lavoro si crea, se si vuole. Se c’è la volontà di farlo. Se ci ricordiamo chi siamo. Se usciamo dal torpore in cui vi hanno messo, perché io non sto dormendo. Se lo stato non mette i bastoni tra le ruote, accettando una tassazione univoca pari al 15% e basta, su un’iniziativa di questo tipo. Ovviamente, deve anche tagliare i costi della spesa pubblica, ma non per 10 miliardi o del 3%. Deve tagliare il 40% della sua spesa, perché si può fare. Il popolo italiano non si può più permettere questi sprechi.

Europa ricca, paesi poveri

Europa in crisi, Italia nel caos.

Europa in crisi, Italia nel caos.

La storia d’Europa in 5 passaggi. Sarà demagogia, sarà populismo, ma questi sono i dati reali, e le conseguenze di quello che è successo. Fame, devastazione, miseria, povertà, suicidi, protesta, caos sociale, ingiustizia, aziende chiuse, lavoratori affamati, commercio distrutto, e tanto altro. Questa è l’Europa che volevamo?

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.

Vendesi semi, vermi, pesticidi e copyright…

Quote

La sopravvivenza dell’umanità, è in mano a pochi uomini, che barattano il bisogno del cibo, con i soldi. Vendono semi da piantare nella terra, e pretendono i “diritti d’autore”. Siamo alla follia pura! Nel pacchetto, includono anche i pesticidi, studiati in laboratorio su loro simili, vermi in provetta, che in natura producono un ulteriore business: la vendita dei prodotti chimici per eliminarli.

Ogm, semi in affittoIn definitiva, se a questi gli gira nel verso sbagliato,  gli agricoltori non avrebbero più nulla da piantare. Come ben sapete, il cibo si raccoglie dalla terra. Quasi tutto quello che mangiamo, proviene dal lavoro della terra. Traete le vostre considerazioni.

Licenza Creative Commons
Citazioni per danno diRoberto Iacobone è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://creativecommons.org/choose/?format=image&lang=it.

Professioni – Il pompiere

Quote

Il pompiere, da sempre mito dei bambini. Trasformato in vigile del fuoco, per metterlo al passo con i tempi. Il pompiere-vigile, con il fischietto in bocca, mentre dirige il traffico del fuoco: “Fiamma in divieto di sosta. Incendio avanza in senso vietato. Frana non si ferma allo stop”. E via dicendo. A discapito della poesia del pompiere, che combatte eroicamente contro le fiamme, come fanno tutti i giorni i pompieri, ci hanno “rifilato” il vigile del fuoco. Mah! Pur immaginando la ragione di tale cambiamento, e mai rassegnato, mi son sempre chiesto: “Perché”?

Ridatemi il pompiere...

I bambini sognano di fare il pompiere, non il vigile del fuoco…

I bambini cercano di arrangiarsi come possono. Svanito il sogno del pompiere, e divenuto adulto, il personaggio del mio blog, tale TATToo, scritto proprio come si legge, invece di spegnerli gli incendi, li appicca.

Tattoo, di professione piromane, sfrutta la sua arte distruttiva per creare posti di lavoro. Più incendi provoca, più pompieri fa lavorare. E’ un datore di lavoro. Altro che un milione di posti… .TATToo, è sposato con la moglie che nessuno vorrebbe avere. Quella strana donna, Meneghina, che per farle un dispetto, il marito incendia la casa. Che Brutta gente circola in questo blog…

Licenza Creative Commons
Citazioni per danno diRoberto Iacobone è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://creativecommons.org/choose/?format=image&lang=it.