Renzi sta preparando la festa della riforma del Senato, una vergogna…

Ormai siamo alle comiche, oppure alla fine? Lavorano di notte per concludere i lavori della riforma del Senato, per siglare un successo personale di renzi che sarà solo mediatico, mentre nei contenuti non porterà alcun vantaggio al Popolo italiano. Al limite, ne vedrà ridotta la componente democratica. Renzi ha bisogno di recuperare i punti persi con il -02% di ieri, relativamente al PIl e al crollo dei consumi, oltre all’impoverimento della famiglie. Intanto, Imposimato lancia un altro allarme; stanno vendendo 7000 aziende pubbliche, in modo che la Corte dei Conti, non avrà più alcun controllo su queste imprese. Sono soldi dei contribuenti e spesso sono aziende che gestiscono beni come energia, acqua, ecc. .Guardate questi due video.

Imposimato         Senato

Renzi ha troppa fretta. Non mi piace per niente!

Fretta

Perché Renzi ha tutta questa fretta di chiudere il Senato? Perché vuole fare le sue riforme, che poco interessano alla gente comune, con una velocità che nessuno gli ha chiesto? Perché improvvisamente, tutti quelli che erano schierati sul fronte anti-berlusconiano, si sono ritrovati tutti insieme, appassionatamente, sul “frontalino” pro-Renzi, con una differenza sostanziale, nella forma e nei contenuti, nella modalità di utilizzo del soggetto politico, che assume lo stesso ruolo del suo predecessore, ma senza alcun limite di movimento?

 

Renzi appoggia Marchionne, Fiat-Chrysler. Ripiombiamo negli anni settanta…

Elkann

Oltre a tutti i “difetti”, spesso denunciati da chi ha “capito” chi è Renzi, come il sottoscritto, ci voleva anche questa: Renzi e Marchionne si “coccolano”… politicamente.   

Proprio oggi, 30 giugno 2014, così vi evito di andare a controllare il calendario, il sig. Renzi, credo Matteo,  è andato a visitare la Maserati, e ha incontrato il sig. Fiat-Chrysler, Sergio Marchionne. Siamo ritornati ai tempi della Democrazia Cristiana, quando Andreotti era di casa, in Fiat, e ogni tanto, faceva finta di litigare con Giovanni Agnelli. Del resto, John Elkann era molto legato a suo nonno. Noi no!

Super Renzi, più antipatico che mai, avrà i suoi impegni già presi, visto che deve “impegnarsi” con i compiti a casa che la Merkel gli ha assegnato, e rifilato a noi: riforme del   Senato, come affrontare il semestre europeo, giustizia…

CuoreMatteo Renzi, recentemente ha dichiarato: “Io sto dalla parte di Marchionne e cioè dalla parte di chi sta investendo sul futuro delle aziende, quando tutte chiudono, ed è invece un momento in cui bisogna cercare di tenerle aperte”.

A sua volta, Marchionne, ha contraccambiato non facendo mancare il suo “appoggio” a Renzi: “Qualsiasi piano che va a cambiare il sistema di regole del gioco che non sono più competitive, io lo appoggio totalmente, e Renzi mi sembra che abbia preso la strada giusta”.

Certo. La strada di casa sua…

hat-149479_150Vi faccio osservare, che il sig. Elkann, è membro della tanto discussa bilderberg. Mentre, Renzi è stato ultimamente in Europa, la casa della Merkel che ci ospita come suoi sudditi. Ma lasciamo perdere…

Insomma, Matteo Renzi non perde occasione per ricordarci che stiamo nella troika. Sulla presidenza italiana del semestre europeo, ha detto. “L’Europa è un luogo di speranza”. Renzi sogna gli Stati Uniti d’Europa come li immaginavano i padri fondatori e lo dirà a chiare lettere nel suo discorso inaugurale all’Europarlamento, “non appena la Merkel lo autorizzerà, dopo che gli avrà corretto ogni parola”. Sic!

Ai sostenitori di Renzi dico quanto segue: “A causa della vostra balordaggine, della vostra ignoranza, del vostro scarso senso comune, della vostra assoluta mancanza di sensibilità; del vostro mancato senso della democrazia e della libertà; della vostra ottusità, della vostra cupidigia, della vostra disonestà intellettuale, della vostra stronzaggine, del vostro modo di vivere solo con la pancia, stiamo consegnando il Paese, che era fino a qualche anno fa, uno dei paesi più ricchi al mondo, più industrializzati della Terra, in mano alla finanza, alle banche, per farci ripiombare negli anni settanta. Magari pure con la “collaborazione” di qualche strage, le cui responsabilità le faranno ricadere sulla mafia. E voi babbioni, abboccherete come sempre. Tutto questo, con la collaborazione forse inconsapevole di boy scout arrivisti, antipatici e asserviti, e ragazzine dell’esercito della salvezza, convinte di essere nel giusto. Se tutto questo accadrà come immagino io, piangeremo lacrime amare. Vergognatevi, infami e traditori!   W l’Italia

Mauro e Mineo, i panni sporchi di Renzi. Li ha “stesi”. Metodi “spicci” da troika?

I panni sporchi direnzi

Sulle riforme che “toccano” in qualche modo la Costituzione, la fretta è pericolosa. Sbrigare frettolosamente ogni faccenda, per poi non combinare comunque nulla, è un metodo propagandidtico che non può funzionare in eterno. Renzi è sempre più troika e mi piace sempre meno. Occhi aperti! Del resto, “bistecchino fiorentino” è stato eletto solo alle europee. In Parlamento è ancora un abusivo. Solo in Italia poteva succedere una cosa del genere. Grazie Napolitano, “gratitudine”  eterna…